Natura

NATURA DEL SELCIATO

Il Selciato del Gigante, patrimonio Unesco dal 1986, è una distesa di circa 40.000 colonne basaltiche per lo più esagonali, alte sino a 28 metri.
La scienza ci insegna che oltre 60 milioni di anni fa, un’eruzione vulcanica sottomarina portò in superficie una grande massa lavica che, a contatto con vento e mare, si raffreddò velocemente, solidificandosi, contraendosi e generando le spaccature che diedero vita a queste particolari colonne.

Questo è il Selciato del Gigante, in continuo cambiamento a causa dei movimenti delle colonne.

 

LA LEGGENDA DEL GIGANTE

Un luogo così particolare non può che ispirare leggende.
Una delle più conosciute riguarda Fionn mac Cumhaill (nome spesso anglicanizzato in Finn McCool).
Il gentile gigante Irlandese costruì la strada per raggiungere la Scozia e affrontare l’omologo rivale Benandonner.
Dopo aver costruito il selciato, stanco per la grande fatica, Fionn si addormentò.
La mattina dopo, la moglie di Fionn, Oonagh, trovò il marito che russava e sentì il fragoroso rumore dei passi di Benandonner che attraversava il selciato. Era davvero enorme e Fionn non avrebbe avuto nessuna speranza di sconfiggerlo.
Oonagh decise allora di mettere una camicia da notte sull’addormentato Fionn, per farlo sembrare un bambino.
Quando Benandonner arrivò a casa, chiese di incontrare il codardo rivale ma Oonagh gli chiese di non urlare altrimenti avrebbe svegliato il figlio.
Benandonner, vedendo le dimensione del “bambino”, si preoccupò di quanto potesse essere grande Fionn e così, spaventato, scappò verso la Scozia distruggendo il selciato dietro di sè.

VISITARE IL SELCIATO DEL GIGANTE

Il biglietto d’ingresso costa 10 £, comprensivi di audioguida multilingue indispensabile per capire l’origine di questo particolare sito e le leggende che lo avvolgono.
Si possono raggiungere le colonne sia con una passeggiata panoramica, sia con un autobus (a pagamento).
Al Centro Visitatori, sostenibile e con una originale struttura che riporta alle colonne basaltiche, si trova avviamente un bar e un negozio di souvenir.

 

COME ARRIVARE

Auto

All’esterno del centro visitatori è disponibile un ampio parcheggio

Mezzi pubblici

Se non si ha una macchina a disposizione, i mezzi pubblici sono un ottimo modo per spostarsi.
Spendere 17£ per la iLink Zona4 permette di usare sia treni che autobus per 24 ore.

La città di Coleraine è il fulcro dei collegamenti con Belfast (autobus 218) e Derry (autobus 234).
Da qui si sale sull’autobus 172, direzione Ballycastle, e si scende alla fermata The Giant’s Causeway, a 150 metri dall’ingresso del Centro Visitatori.

Riserva naturale di Guun Galuut

La vera Mongolia credo sia lontana dalla capitale Ulaan Baatar.
Percorrendo per circa 3 ore le “strade” sterrate che passano, senza indicazioni, tra le verdissime e disabitate colline, si arriva nella riserva naturale di Guun Galuut.

Continua a leggere

Dopo la spedizione polare con la Hurtigruten, sino a superare l’80° parallelo nord, ho scelto l’escursione da Longyearbyen a Pyramida e al ghiacciao Nordenskiöldbree come ultima carta per provare a vedere gli animali assenti nei giorni precedenti.
E incredibilmente è stata la scelta perfetta.

Continua a leggere

Prima della partenza, oltrepassare il limite geografico dell’80° parallelo Nord era uno degli obiettivi del mio viaggio.
Sapere che a Magdalenfjorden avrei potuto fare il bagno nelle gelide acque del Mar Glaciale Artico, rendeva grande l’attesa per questo giorno nella spedizione sulla Hurtigruten. Continua a leggere

Mi è sempre piaciuta la geografia e spesso capita di scavare nei ricordi cercando mete insolite e poco conosciute per i prossimi viaggi.
E’ in una di queste ricerche che le Isole Svalbard sono diventate la destinazione illuminante.

Le isole sotto la bandiera norvegese, spesso addirittura nascoste dal braccio dell’asse terrestre nel mappamondo, sono le terre abitate più a nord del pianeta.

Continua a leggere